Carolina Reaper – IN. TER. NOS.

Identikit
Non è casuale che il nome della compagnia Carolina Reaper tragga spunto dal peperoncino più piccante al mondo. Il nucleo artistico – formato dal regista, attore e autore Patrizio Luigi Belloli, dalla drammaturga Livia Castiglioni e dagli attori Silvia Giulia Mendola, Francesco Meola, e Elena Scalet ama decostruire luoghi comuni e preconcetti. Come? Sfidandoli. È il caso di alcune ragazze e ragazzi che tentano di sradicare l’ideologia nazista come accade ne L’Indulgenza del latte, ultimo lavoro del gruppo. O degli attori vittime di nevrosi e lotte contro il tempo, costretti a guardarsi allo specchio in Chi è di scena?: attori e artisti alla ricerca di sé nel teatro e fuori dal teatro per confrontarsi con ossessioni, manie, a partire da sé stessi e dalle proprie rughe. Insomma per quanto si tenti di tenerlo a bada, “tempus fugit..”..

Perché vederlo?
Riflettere sul confine, sul margine, sull’idea di limite non è cosa da poco. Si tratta di un’operazione che richiede ascolto, attenzione e uno “sguardo sottile”. Ma forse, prima di tutto, invoca silenzio. IN.TER.NOS, primo studio su Tre Episodi scritto da Livia Castiglioni, recupera l’immagine di un ambiente interno: non solo una stanza protetta da pareti, pavimento e soffitto ma uno spazio ben più profondo, che regna probabilmente nell’interiorità di ogni individuo. Lo spettatore ha la possibilità di ritrovarsi a stretto contatto con l’inascoltato come spazio “occulto” di debolezze e fragilità. E allora non resta che indagare questa stranezza e capire cosa si cela dietro a quell’IN.TER.NOS.

Carmen Pedullà

STAY TUNED: IT NEVER SLEEPS!