Due domande a Agie Zhou

Agie Zhou è responsabile della Ravioleria Sarpi, premiata dalla Guida Street Food del Gambero Rosso nel 2017 e chiamata a sfamare il pubblico di IT.

Come appare il pubblico di IT dall’altra parte del bancone?

Io normalmente lavoro in via Paolo Sarpi e con la gente sono sempre in contatto, ma qui a IT sono rimasto sinceramente sorpreso: non mi era mai capitato di incontrare persone così sorridenti e alla mano. È evidente che il clima del festival mette a proprio agio tutti, e sono contento di contribuire a questa atmosfera. Ho lavorato qui anche nelle giornate operatori e mi aspettavo un atteggiamento più formale e serioso, invece i lavoratori del festival si sono rivelati gentili e disponibili, sempre pronti a includerti.

Raccontaci qualcosa della tua arte.

Quella dei ravioli è un’antica tradizione cinese: sono fatti interamente a mano, ed è molto importante che siano freschi e fatti sul momento, perché – credetemi – la differenza si sente subito! Come in tutte le arti è necessaria una dedizione assoluta, e bisogna imparare a saper bilanciare cura per il dettaglio e velocità, soprattutto se il pubblico è un divoratore entusiasta come quello di IT. Il nostro gruppo lavora insieme da anni e oggi sappiamo intuire con precisione quali ingredienti usare e come combinarli. Abbiamo imparato da due signore che cucinano in casa e che hanno ereditato la passione degli avi; dopotutto, qualunque sia la tua disciplina, devi saperti scegliere i maestri giusti.

A cura di Nicola Fogazzi

foto DissolvenzeLab (Rosalba Amorelli)

STAY TUNED: IT NEVER SLEEPS!