Compagnia Zerodue – La scogliera

Identikit
Una stessa visione delle cose sancisce il connubio di due giovani registi milanesi: nel 2015 nasce la Compagnia Zerodue (come il prefisso telefonico di Milano) con lo spettacolo Barbablù – Kirie eleison, ed oggi Marcello Catalano insieme alla drammaturga Giulia Lombezzi presenta a IT Festival La scogliera. “Visioni alterate” è il loro slogan, ma è anche la lente con cui guardano al mondo: l’intento è cogliere nella realtà un germe di vera contraddizione, un elemento impazzito e incontrollabile, fuori dagli schemi canonici. Un teatro ‘ottico’, il loro, che vuole restituire ciò che di nascosto vive nell’esistente. In scena Eliana Bertazzoni, Michela Giudici e Laura Tronconi. 

Perché vederlo?
La scogliera è una storia. Vera? Inventata? Forse la questione è arbitraria e lo potete decidere voi. Sicuramente è una storia che spezza la rassicurante normalità e routine in cui siamo tutti convinti di vivere, un po’ come accade al protagonista di un qualsiasi film horror: non ce lo si immagina, eppure a un certo punto qualcosa accade, e da quel momento tutto è diverso! Capita anche nella nostra vita, nel nostro piccolo, quando ci entra in testa un’idea, un pensiero e non esce più. Anzi: si alimenta e divora spazi di cervello sempre maggiori. Ma da dove viene quel pensiero? Qual è quel luogo buio da cui escono quei demoni che subdolamente si intrufolano nella realtà rendendola irriconoscibile ai nostri stessi occhi? Avrete venti minuti per scoprirlo.

Miriam Gaudio

STAY TUNED: IT NEVER SLEEPS!