PRESENT TENSE #recensione

Copertina_MG_2917-1

di Orientale Sarda

IN FACTORY…
Nel buio si muovono due figure, seguendo le curve di una musica lenta. Il corpo di una performer è interamente coperto da un pupazzo dalle membra sottili e la pancia rigonfia, la sua maschera di ragazzina sognante avanza con scatti gentili. Dietro di lei una seconda performer, vestita di nero e a volto scoperto, asseconda i suoi movimenti, seguendola come un’ombra o come un burattinaio discreto. Raggiunto il centro del palco, la composizione si scioglie, e il pupazzo si accosta alla donna che la seguiva toccandola con dolcezza e sollevandole e muovendole le braccia. Ma queste ricadono lungo i fianchi. Lentamente si adagiano a terra; si ha l’impressione che sia ora il pupazzo a dirigere i gesti della figura umana inerte, mentre cerca con una dolce curiosità il contatto fisico e visivo.

…IN IT
“La principessa Momo possedeva uno specchio magico, grande, rotondo e dell’argento più puro. Lo mandava fuori per il mondo ogni giorno e ogni notte. E ogni volta che il magico specchio tornava, riversava davanti alla principessa tutte le immagini che aveva raccolto durante il viaggio”.
È questa la luna secondo Michael Ende. Orientale Sarda, che a Momo per questo lavoro si ispira, ha aggiunto come prima scena una grande luna rotonda; le immagini che la compagnia ha raccolto nel mondo sono proiezioni di città grigie e caotiche, di uomini e donne con la ventiquattrore rapiti nei loro smartphone. A chiudere la performance è una seconda scena tratta dal romanzo. Un simpatico automa avanza con movimenti lenti e faticosi: è la tartaruga Cassiopea, che invita il pubblico a seguirla.
Circondato dalle due nuove sequenze, il frammento presentato nei giorni di Agorà sembra caricare di senso il suo paradosso: ad animare un’umanità inerte e dimentica di sé saranno le finzioni della fantasia, uniche presenze in scena in grado di provare e suscitare empatia.

Nicola Fogazzi

foto DissolvenzeLab (Daniela Clerici e Antonella Lodedo)

*Un primo studio di questo spettacolo è stato presentato IN FACTORY durante i giorni di Agorà-Open IT. In questo articolo vi restituiamo quindi un doppio sguardo, che parte da lì per arrivare allo studio presentato nei giorni del Festival: IN IT

STAY TUNED: IT NEVER SLEEPS!